Ministro Busseti: si dimetta. Lei è nemico del Sud!


di Rino Piscitello Coordinatore nazionale di Unione dei Siciliani – Sicilia Nazione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Marco Busseti ha dichiarato, nel corso di una visita ad alcuni istituti scolastici  della Campania, che alle scuole del Sud non occorrono più fondi, bensì più sacrificio, più lavoro più impegno da parte delSud stesso.

Una dichiarazione stupida e piena di pregiudizio, oltre che evidentemente falsa.

Il Ministro Busseti non può non sapere, ad esempio, che al Centro – Nord la maggior parte delle scuole funziona a tempo pieno e al Sud, invece, il 98% funziona a tempo “normale”, inteso come ridotto all’osso.

Non può non sapere che al Nord-est e al Centro Italia i posti censiti degli asili nido nelle strutture pubbliche e private coprono il 30% dei bambini sotto i 3 anni, al Nord-ovest il 27% mentre al Sud e nelle Isole si hanno rispettivamente 10 e 14 posti per cento bambini residenti.

E non può non sapere che al Sud solo il 17% delle scuole ha il certificato di prevenzione incendi, solo il 15% quella igienico-sanitaria, solo il 15% quello di agibilità, solo il 18% il collaudo statico.

Inoltre, non può non sapere che in Sicilia solo il 2,4% delle scuole ha avuto la verifica di vulnerabilità sismica, malgrado il 98,45 delle scuole sia in area a rischio sismico.

Non può non sapere che al Nord si registrano investimenti e risorse per la manutenzione e l’adeguamento delle scuole di circa 5 volte superiori alla media del resto del Paese.

Infine, non può non sapere che le risorse e i finanziamenti sono arrivati a fiumi nel Nord del Paese e con il contagocce al Sud e in Sicilia e che l’Italia è a due velocità non perché il Sud è lento ma solo perché è stato azzoppato.

Chissà quale lavoro, impegno e sacrificio avrebbe dovuto mettere un dirigente scolastico di una scuola del Sud per garantire ai suoi studenti parità di diritti con gli studenti del Nord senza neanche avere i soldi per i riscaldamenti e le minime attrezzature scolastiche.

Alle scuole del Sud servirebbe invece l’impegno, il lavoro e il sacrificio di un Ministro della Pubblica Istruzione serio e senza pregiudizi che comprendesse che il primo problema sono i fondi e che va invertito il flusso di denaro che per decenni ha premiato il Nord.

Per tutto questo serve però un altro Ministro. Questo ovviamente non è all’altezza.

Al Ministro Busseti resta solo una cosa da fare: si dimetta.

E se non lo fa da solo, i 5 stelle hanno un’ottima occasione per dimostrarsi, nei fatti e non a chiacchiere, amici del Sud e Salvini ha un’ottima occasione per dimostrarsi cambiato e di non essere più il leader della vecchia Lega Nord: lo caccino senza esitazioni.

Ma se non lo cacciano subito, l’intero Governo sarà responsabile di quelle dichiarazioni e il Sud, ancora una volta, dovrà prenderne atto.

Un consiglio vogliamo comunque darlo al Ministro Busseti: non metta più piede in Sicilia e al Sud. Non vi sarebbe tappa senza contestazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *